domenica 24 gennaio 2021

QUELLO CHE LASCIAMO DIETRO DI NOI

 


Un giorno ho ricevuto un invito a cena da una mia ex allieva, ora amica e collega, e da suo marito.

Mi chiamano e mi dicono: “Stavolta “vogliamo avere a cena solo te, non tutte le colleghe, dai vieni che ti cuciniamo il pesce!”

In giugno avevamo fatto una cena tra colleghe a casa loro e mi pareva fosse andato tutto bene, ma stavolta insistono perché vada da sola. “E non portare niente, mi raccomando!” Sono quasi minacciosi.

Non sono abituata a ricevere questi inviti senza motivo apparente, sono una persona che chiederebbe subito: “Ma perché? È il tuo compleanno?” Ma stavolta vado. Così, accetto e non mi pongo neanche tanti perché, vado e basta. Ringrazio e vado.

Mi preparano una cena coi fiocchi, io adoro il pesce, mi sembra che sia la Vigilia di Natale: capesante gratinate, seppie in nero, gamberoni alla busera e tonno con rosti di patate al forno con patate arrosto, vino a fiumi e limoncello.

Sono stupita, entusiasta, sarà il vino, cominciamo a parlare di viaggi, la Tunisia, il Marocco, la Grecia, che bello, mi pare di essere in famiglia.

E poi lei dice:” Siamo proprio contenti che tu sia venuta, era tanto che volevamo ringraziarti per quello che mi hai insegnato!”

In che senso, scusa?

E comincia ad elencare tutte le cose che le ho detto/insegnato quando mi ha fatto da supplente quando mi ero fratturata il coccige e non potevo andare a scuola, di come le telefonavo per vedere se andava tutto bene con i ragazzi, di come le preparavo le lezioni.

Io non mi ricordo.

“Ma si” - insiste lui- “la chiamavi a casa tua a controllare le verifiche, le davi le scale di valutazione, mi ricordo io che dovevo tenere i bambini dopo il lavoro!”

Io non mi ricordo.

Cioè mi ricordo che mi ha fatto da supplente, che l’ho preparata al concorso ordinario, certo. Ma tutti questi particolari, proprio no.

Comincio anche un po’ a preoccuparmi, che sia l’età?

Poi lei conclude:” Guarda che tu non mi hai solo insegnato, mi hai dato amore, entusiasmo per questo lavoro, insomma il tuo era amore incondizionato. Hai dato amore tutta la tua vita a due mani ed è ora che lo accetti a quattro, grazie!”

Non so proprio cosa dire, dopo un po’ mi riprendo, mi sento come quelli che non bada mai nessuno e a cui poi fanno una festa a sorpresa come nei film americani, non posso far altro che ringraziare.

Stamattina sono ancora stordita da tutto quell’amore, o dal vino? Penso che però sia proprio così che vivo, che ho vissuto, che molti di noi vivono.

Diamo tutta la vita agli altri senza renderci conto di quello che diamo, dell’impatto delle nostre azioni sulle vite degli altri, senza renderci conto di quello che lasciamo dietro di noi.

È una bellissima giornata, vado a fare una passeggiata – penso.

Sì, però prima mi dico BRAVA!


Tiziana Manca Gherrino Alessi


°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°





Leggo la bellissima testimonianza di Tiziana e penso a tutte le persone che fanno tanto per gli altri e non se ne accorgono, oppure non pensano di fare abbastanza, o ancora hanno difficoltà a ricevere complimenti, regali, inviti, ringraziamenti.

Ciò che pensiamo di noi stessi è molto importante.

Cambia la nostra prospettiva delle cose e le nostre reazioni e azioni.

Ma molte persone sono in difficoltà a credere di meritare, di essere brave in qualcosa, di meritare amore, di poter ricevere senza sforzo.

Questo dipende dall'immagine di sè che hanno acquisito negli anni, attraverso le esperienze, ciò che gli è stato detto, le convinzioni che hanno messo insieme, soprattutto nel tempo della prima infanzia.

Ecco, è spesso difficile confrontarsi con l'immagine di noi stessi e qualche volte questa immagine è così fuorviante da portarci all'infelicità.

Pensa a te stesso.

Pensa a tutti gli aggettivi con i quali ti definiresti.

Pensa a ciò che fai, al contributo che dai, nelle relazioni, nella famiglia, sul lavoro.

Come ti vedi? Come parleresti di te agli altri?

Come valuti ciò che fai?

Pensa a ciò che questo ti suscita.

ASCOLTA CHE EMOZIONI SALGONO.

Prendi appunti.

Quando puoi fermati, fai dei bei respiri profondi, e usa questa frase su tutto ciò che è emerso:

Rilascio ogni attaccamento emotivo a questo e a tutto ciò che significa per me.

Usala anche sulle cose positive emerse.

Talvolta siamo attaccati emotivamente ad un idea di noi come super eroi o super eroine.

La cosa potrebbe andare bene se ci rende felici, ma potrebbe causarci anche molto stress.

Perciò sperimenta e vedi dove ti porta la frase di rilascio.


CHE TU POSSA SEMPRE ESSERE CONSAPEVOLE DI QUANTO VALI..

Virna




domenica 17 gennaio 2021

Eft per le relazioni

L’unico modo per migliorare davvero la tua esistenza è assumertene la responsabilità.

Quando in una relazione qualcosa non va è puntando il dito contro un altro che puoi crescere, bensì girando lo specchio, cambiando la prospettiva e chiedendoti: “quale parte di me sta venendo attivata dal comportamento che hai? Quale parte ferita, non soddisfatta, bisognosa, timorosa, si attiva quando tu fai ciò che fai?”
Solo se ti assumi la responsabilità delle tue reazioni e di ciò che ci sta dietro, fosse rabbia, paura o dolore; solo quando porti luce su quelle parti che vengono attivate e che muovono i tuoi comportamenti, solo quando impari a discernere da dove vengono e cosa trattengono, solo allora puoi essere libero e lasciare andare con amore ciò che ti frena.
Ovviamente Eft e set possono venirti in aiuto.
Quando in una relazione qualcosa non va prendi il tuo tempo, inizia a stimolare il sistema energetico e chiediti?
Cosa accade in me?
Questa esperienza cosa mi dice?
Quali emozioni emergono?
Quali bisogni, ferite, desideri emergono?

Ricordati di prestare attenzione al tuo campo.
Osserva cosa emerge a livello di emozioni, pensieri, ricordi, convinzioni, idee.
Se ti agevola puoi prendere appunti per lavorare in un momento successivo tutto ciò che emerge.
Puoi dedicare un giro di eft su ogni cosa come in questi esempi:
Anche se c'è questa emozione in me che ancora influenza le mie relazioni, mi apro alla possibilità che tutto cambi.
Anche se c'è questo ricordo in me che ancora influenza le mie relazioni, mi apro alla possibilità che tutto questo cambi.
Anche se c'è questa convinzione in me che ancora influenza le mie relazioni, mi apro alla possibilità che tutto cambi.
Anche se c'è questo pensiero in me che ancora influenza le mie relazioni, mi apro alla possibilità che tutto questo cambi.


Buona scoperta.
Virna




domenica 10 gennaio 2021

EFT per gli obiettivi e i desideri

 Ti è mai capitato di avere un nuovo progetto, un desiderio o un obiettivo è di decidere di realizzarlo?

Ti prepari, ti informi, ti muovi in quella direzione che ti permetterà di farlo diventare concreto.
Magari fai anche dei passi, i primi, o di più.
E poi di solito emergono le resistenze.
E se non fossi capace?
Ma dove voglio andare?
Non mi riesce.
Non ce la farò.
Questi come altri fanalini di coda dovuti alla tua esperienza di vita potrebbero portarti a pensare che non è tempo, o toglierti energia da dedicare al tuo progetto, sogno, desiderio.
Quando emergono pensieri depotenzianti questi possono metterti i bastoni fra le ruote, ma possono anche metterti sulla buona strada per liberartene con Eft o set.
Osserva quali pensieri salgono.
Osserva che emozioni salgono in relazione a questi pensieri.
Fai caso se ci sono anche ricordi, o fantasie che salgono collegate ad essi.
Per esempio il ricordo di una volta in cui non sei riuscito a realizzare un sogno.
O l’idea che capiterà qualcosa che rovinerà i tuoi piani.
Usa Eft.
Stimola il tuo sistema energetico e ripeti una frase per ogni cosa che ti turba.
Ad esempio:
Anche se ho paura di non farcela mi amo e mi accetto così come sono.
Anche se ho ancora il ricordo di quella volta che non ho realizzato il mio sogno e questo ancora mi influenza tutto questo può cambiare.
Anche se mi sento in ansia per questo progetto vado avanti, e mi apro alla possibilità di lasciare andare questa ansia.
Buona sperimentazione.
Virna





domenica 3 gennaio 2021

Eft e le convinzioni limitanti

 



Quando siamo piccoli viviamo tantissimi tipi di esperienze.

Alcune sono molto gradevoli, altre possono essere anche molto sgradevoli.

Alcune possono essere di difficile elaborazione pur non essendo traumatiche in senso assoluto.

Da tutte le esperienze il nostro sistema trae delle conclusioni che servono come tracce per la nostra mappa del mondo. Così mettiamo insieme informazioni che ci servono per orientarci davanti ad esperienze simili o uguali, ma anche di fronte ad esperienze nuove.

La nostra mappa ci serve per orientarci.

Ogni mappa cambia al verificarsi di nuove acquisizioni informative.

Ogni volta che viviamo qualcosa di nuovo acquisiamo nuove informazioni.

Le esperienze non digerite però danno vita a forme energetiche ed emotive rigide, stabili nel tempo, non in flusso, e ci tolgono energia vitale che viene impiegata per stoccare il carico emotivo non elaborato. Da queste esperienze possiamo trarre conclusioni/informazioni che sono limitate e che non favoriscono la nostra vita e il nostro sviluppo.

Per fare un esempio, se da piccoli abbiamo vissuto un’esperienza che ci ha ferito e ci siamo sentiti abbandonati, e abbiamo tratto la conclusione che “sono sbagliato, mi abbandonano per questo”, questa conclusione, se non rielaborata, diventerà una convinzione limitante che influenzerà le nostre esperienze successive. L’energia congelata in noi sotto forma di emozioni non elaborate inoltre attrarrà situazioni per risonanza riportando nella nostra vita nuovi episodi di abbando al fine di permetterci di elaborare la nostra ferita. O laddove non dovessimo vivere episodi di abbandono sarà facile che ci sentiamo abbandonati lo stesso, attribuendo a persone e situazioni energia che non c’è e creando delle proiezioni che dirigeranno le nostre azioni in modo spesso non utile per noi.


Con Eft e set puoi lavorare su tutte le convinzioni limitanti che influenzano la tua esperienza nel qui e ora.


Agisci subito:

Pensa ad una convinzione limitante.

Pensa a come influenza la tua vita.

Senti che emozione ti suscita.

Se conosci già Eft o set stimola il tuo sistema energetico.

Se non le conosci metti solo entrambe le mani sul cuore.

Fai un bel respiro.

Ripeti: anche se ho questa convinzione limitante che influenza la mia vita, tutto questo può cambiare e lascio che cambi.





Se vuoi APPROFONDIRE EFT e hai già fatto un corso di primo livello, iscriviti al corso di secondo livello in partenza il 16 GENNAIO: 12 ORE di approfondimento in diretta su skype.


Scoprirai come applicare la tecnica alle tue tematiche personali, aggirando gli ostacoli nella pratica e imparando differenti approcci sia classici che moderni per contribuire alla tua liberazione emozionale e alla tua evoluzione. 


Il corso sarà totalmente on line e partirà sabato 16 gennaio con una sessione di due ore, dalle 15:00 alle 17:00.


Seguiranno 4 sessioni serali il mercoledi, dalle 20:30 alle 22:30, e un'ultima sessione sabato 20 febbraio.


Per avere l'attestato di partecipazione è richiesta la frequenza in collegamento ad almeno la metà delle ore di corso.


Il contributo in promozione per il corso di secondo livello è di 200 euro, ma se ti iscrivi come rifrequentante oppure con un amico ho pensato a delle promozioni speciali.


Il corso verrà attivato con un minimo di 4 iscritti.


Virna 




lunedì 28 dicembre 2020

PROMOZIONE CORSO BASE E SECONDO LIVELLO EFT GENNAIO 2020



ATTENZIONE
PROMOZIONE LAST MINUTE
PER CONOSCERE O APPROFONDIRE EFT
E.F.T è una sigla. Il suo significato, tradotto in italiano, è: Tecniche di liberazione emozionale.
Si tratta di una tecnica che unisce l’auto-stimolazione di alcuni punti lungo i meridiani energetici alla ripetizione di frasi focalizzate su un problema da risolvere.
EFT è prima di tutto utilissima nella gestione dello STRESS, nel trattare STATI EMOTIVI DIFFICILI (paure, dipendenze, ansie, blocchi, ricordi traumatici), nell’individuare e sciogliere conflitti causa di sintomi fisici (tensioni fisiche dovute allo stress), nell’abbandonare comportamenti indesiderati. EFT è utile anche per migliorare la propria AUTOSTIMA scoprire i propri TALENTI, migliorare le proprie RELAZIONI, lasciar andare le ferite del passato, focalizzare meglio gli OBIETTIVI per il proprio futuro, e per tante altre tematiche. Tutto sta a sperimentare.
Per CONOSCERE EFT iscriviti al corso di PRIMO livello in partenza a GENNAIO: 6 ORE di approfondimento in diretta su skype.
Il primo incontro è previsto per sabato 2 gennaio dalle 15 alle 18, il secondo per sabato 9 gennaio dalle 15 alle 18.
Per avere l'attestato di partecipazione è richiesta la frequenza in collegamento ad almeno la metà delle ore di corso.
Il contributo per il corso in promozione last minute è di 90 euro, anziché 120, ma se ti iscrivi come rifrequentante oppure con un amico ho pensato a delle promozioni speciali.
Se invece vuoi APPROFONDIRE EFT e hai già fatto un corso di primo livello, iscriviti al corso di secondo livello in partenza il 16 GENNAIO: 12 ORE di approfondimento in diretta su skype.
Scoprirai come applicare la tecnica alle tue tematiche personali, aggirando gli ostacoli nella pratica e imparando differenti approcci sia classici che moderni per contribuire alla tua liberazione emozionale e alla tua evoluzione.
Il corso sarà totalmente on line e partirà sabato 16 gennaio con una sessione di due ore, dalle 15:00 alle 17:00.
Seguiranno 4 sessioni serali il mercoledi, dalle 20:30 alle 22:30, e un'ultima sessione sabato 20 febbraio.
Per avere l'attestato di partecipazione è richiesta la frequenza in collegamento ad almeno la metà delle ore di corso.
Il contributo in promozione per il corso di secondo livello è di 200 euro, ma se ti iscrivi come rifrequentante oppure con un amico ho pensato a delle promozioni speciali.
Il corso verrà attivato con un minimo di 4 iscritti.
SE DECIDi Adesso DI FARE ENTRAMBI I CORSI IL CONTRIBUTO È DI 270.
SCRIVIMI in privato per maggiori informazioni.
virna.trivellato@yahoo.com
Virna


sabato 3 ottobre 2020

Eft: per cosa può essermi utile?

 In che cosa può essermi utile Eft?

In realtà può esserti utile per tutto.

Il suo inventore, Gary Craig, suggeriva di provarlo su ogni cosa.

Ma perché?

Perché Eft non si ferma alla manifestazione del problema, bensì lavora sulle scorie emotive non elaborate collegate a quel problema.

È vero che nella vita ci sono cose che possiamo cambiare e cose che sono immutabili nelle loro conseguenze.

Ma questo non cambia il tuo potere.

Tu infatti hai sempre potere su come reagire ad entrambe queste tipologie di eventi.

Lavorando sul tuo corpo emotivo, sciogliendo i nodi del passato, trovando la radice emotiva della sofferenza e disinnescandola, saprai affrontare in maniera più proattiva la vita, trovando più agilmente soluzioni inedite per le situazioni che ti sembravano immutabili, ma non lo sono, e accogliendo gli eventi immutabili con una forza e una filosofia spesso sorprendenti.


Se vuoi iscriverti al corso base in partenza il 14 ottobre, on Line, scrivimi per informazioni.

virna.trivellato@yahoo.com


domenica 27 settembre 2020

CORSO BASE DI EFT ON LINE 14-21-28 OTTOBRE

Se il tuo copro emozionale non è in equilibrio qualsiasi tua decisione, reazione, interazione saranno influenzati dalle ferite non risolte, dalle emozioni ancora non elaborate, da ciò che in passato ti ha ferito, condizionato e non è ancora digerito.

La strategia migliore per portare in equilibrio il tuo corpo emozionale è portare consapevolezza a cosa accade nel mondo e a come tu ti muovi nel mondo:
quali aspetti della tua esperienza non sono in armonia?
come reagisci?
cosa ti fa reagire?
che emozioni accompagnano il tuo vissuto?
quali ferite senti ancora attive?
Aumentare la propria consapevolezza e autoconsapevolezza ti toglie dal ruolo di vittima degli eventi e ti ricolloca nella posizione di attore consapevole della tua vita.
Se vuoi conoscere uno straordinario, semplice, efficace metodo di intervento per riportare equilibrio nel tuo corpo emotivo partecipa ad un corso di EFT.

Eft è una pratica disintossicante: la sua applicazione quotidiana ti libera dal surplus emozionale non digerito, ti aiuta a prendere confidenza con le emozioni e a comprendere i messaggi senza picchi emozionali ingestibili e ti permette di digerire anche gli “arretrati” emotivi irrisolti.
Ma come si fa?
Si stimolano una serie di punti sul corpo lungo i meridiani energetici. Ecco i punti.





Per saperne di più iscriviti al corso base dove imparerai ad applicare Eft alla tua esperienza personale.


Il prossimo si tiene on line 14-21-28 ottobre.






Scrivimi per informazioni.