domenica 27 settembre 2015

EFT per rispondere alle esigenze dei figli.




immagini di Emanuela Pamio




Rispondere alle esigenze dei figli

Non necessariamente rispondere alle esigenze dei figli significa rispondere ai figli.
Sono due cose diverse, anche se nella maggior parte dei casi coincidono.

A volte ci si può permettere di essere “assenti” se si vede che c’è spazio di manovra e il bimbo può sperimentare le proprie capacità, allora non lo chiamerei essere assenti ma “distratti”.
Oppure si attua la “tecnica del bruco” prendendo in prestito il personaggio di Alice nel paese delle meraviglie: si comincia a parlare in modo sconnesso, poco chiaro, e il bimbo o meglio il ragazzino, perché penso alla fascia di età di bambini più grandini che abbiano già una certa esperienza, si rompe di ascoltare e prende la sua decisione da solo.
Questa tecnica, molto spesso, la usiamo senza rendercene conto, ma la usiamo troppo e la cosa finisce per ritorcersi contro di noi…il ragazzino perde mano a mano la fiducia verso di noi, verso la possibilità di essere ascoltato o avere da noi un riscontro reale dei suoi problemi.
Quanti di noi vorrebbero davvero ascoltare qualcuno che ci propina una serie di spiegazioni morali e non ci ascolta?
Quanti di noi, nel momento in cui sbagliano, sanno già di aver sbagliato? Di cosa sentiamo il bisogno in quel momento? Di sentirci dire cose che sappiamo già o magari abbiamo bisogno di un riscontro sulle nostre sensazioni e di capire come mai abbiamo scelto una cosa piuttosto che un’altra?
Quanti di noi vorrebbero comunque sentirsi accettati?

Come dite? non sbagliate mai?
Allora una cosa la sbagliate di sicuro...

Il non sbagliare mai implica un controllo sulla propria vita che è a mio avviso innaturale.
La pretesa di non sbagliare mai implica che c’è un controllo a monte sulla propria persona che forse non lascia spazio al proprio istinto, alla propria spontaneità, alla propria corporeità.

In realtà sbagliare è parte della vita….noi non saremmo dove siamo ora se non avessimo fatto degli sbagli che ci hanno insegnato che forse la direzione non era quella.
Perciò dobbiamo ritenere lo sbaglio un passaggio quasi obbligato, anche per conoscere sé stessi.
Non possiamo dire di conoscerci se non sappiamo come reagiamo in certe situazioni.

Certo ci sono sbagli e sbagli…ci sono sbagli che hanno conseguenze devastanti perciò non possiamo permetterci di farli, né con leggerezza né con la prospettiva di allenarci, di provare…
Ma se non abbiamo toccato con mano almeno in parte le conseguenze, se non abbiamo introiettato cosa può succedere, è possibile che ci capiti di provare un’esperienza similare, perché (mettiamocela via) il nostro essere, ha fame di esperienza e il bisogno si attenua solo flebilmente con l’età, in realtà se una persona non ha fatto una determinata esperienza e non ha assimilato delle comprensioni nella propria vita, tenderà anche a 90 anni a fare gli stessi errori, non è qualcosa che si risolve con la razionalità, con la forza di volontà, ( anche se può aiutare), è qualcosa di corporeo che riguarda l’istinto, le emozioni e gli affetti, e la comprensione di tutto questo deve passare necessariamente per altri canali: corporei, emotivi, emozionali, esperienziali.


Per fortuna il nostro cervello è dotato di un’ampia capacità di astrazione perciò non ci serve darci una martellata con tutti i martelli che abbiamo in casa per capire che ci si fa male, uno basta e avanza…magari ci basta anche solo un oggetto pesante che cade sull’alluce e siamo vaccinati a vita sugli urti a tutte le parti del corpo.

Quindi gli sbagli fanno parte della modalità di apprendere dell’essere umano…e allora perché a volte ci arrabbiamo tanto?
Sembra quasi che ci crolli il mondo addosso.
A volte come adulti avremmo dovuto prevedere delle conseguenze e non l’abbiamo fatto?
Non ci siamo sentiti ascoltati da nostro figlio?
Non conosciamo modalità di intervento per fermare le situazioni potenzialmente pericolose o pensiamo che tutta la responsabilità debba ricadere sul figlio?
Anche i nostri genitori si arrabbiavano con noi perciò è una cosa automatica pensare che ci si debba arrabbiare?
Pensiamo che nostro figlio sia un incapace?



La responsabilità di un figlio all’interno di una situazione potenzialmente pericolosa è quasi pari a 0.
Un figlio non ha idea di tutto ciò a cui possono portare una serie di azioni, e quando pensiamo che ne debba avere idea perché lo ha già fatto, non dobbiamo dimenticare che è un piccolo scienziato e il metodo scientifico di provare un’azione e ottenere il medesimo risultato è per lui una cosa importante (purtroppo per noi!).
Certo…la percentuale di responsabilità ovviamente aumenta con l’età e mano a mano che crescono devono essere aiutati ad accettare quella piccola responsabilità che compete loro.
E’ una piccola forma di violenza pretendere che si comportino subito da adulti e che si prendano responsabilità che nemmeno noi ci prendiamo…come ad esempio tenere il controllo delle proprie emozioni.
C’è qualcosa che stona quando il genitore si sente in diritto di urlare e il figlio viene incolpato di non essere un piccolo Lord, a voi non sembra?

Quando un bimbo sbaglia dobbiamo prima guardare le nostre responsabilità, cercare di ammettercele, e abbracciarci, riusciremo in questo modo ad abbassare il livello di rabbia che ci portiamo addosso, e poi possiamo essere costruttivi e pensare cosa potessimo fermare, cosa potevamo spostare, come potevamo agire per evitare tutto ciò?
Perché anche noi dobbiamo accettarci, e per evitare sbagli in futuro imparare da essi.


Rispondere alle esigenze dei figli quindi implica un lavoro emotivo che facciamo continuamente senza quasi renderci conto che include il capire di volta in volta i propri limiti, ossia quello che riusciamo ad accettare, quello che non riusciamo, e le possibilità di apertura.
Se quello che chiedono i figli rientra nel nostro spettro di esperienze conosciute, accettate o comunque possibili, la cosa non ci sposta, magari valutiamo, poniamo dei paletti entro i quali rimanere, e ci sentiamo pure soddisfatti di come riusciamo a gestire la situazione…
Abbiamo ragione di esserlo.

Spesso però tutto crolla quando il bimbo ha delle impellenze emotive a cui noi non sappiamo far fronte: chiede le cose con modalità cavernicole, magari urlando, magari rotolandosi, oppure agendo in modo secondo noi illogico, spropositato, assurdo e insulso.

La buona notizia è che tutto ciò è molto soggettivo, nel mio imparare dalle altre mamme vedo questa cosa, e atteggiamenti che per me rientrano assolutamente nei canoni infantili, vengono percepiti da alcune mamme come inaccettabili…visceralmente inaccettabili, e atteggiamenti che a me mettono allerta, ad altre mamme non spostano nulla.

Quello che come persone dobbiamo capire per rispondere davvero alle esigenze dei nostri figli è che se siamo abituati ad accettare gli atteggiamenti di un bambino che rientrano in parametri da A a B, rischiamo di non riuscire a classificare e quindi trovare le emozioni che stanno dietro a comportamenti C o D e pure fino alla Z.

Perciò per rispondere alle esigenze dei figli bisogna cominciare a domandarsi…che emozioni, che bisogni ci sono dietro a questo comportamento? Cosa non sono in grado di vedere?
Resta chiaro che bisogni ce ne sono sempre, ma a volte non serve andare tanto lontano, sono soprattutto bisogni di essere visti come persone, di essere nutriti dalla relazione affettiva, bisogni di corrispondenza, oltre ai normali bisogni fisici.

E’ importante confrontarsi con altre persone, con altre mamme o con operatrici per avere un riscontro di ciò che non riusciamo a vedere, del bambino che non riusciamo più a riconoscere.
Magari perché nessuno ci ha mai insegnato che un bambino può avere anche comportamenti C o D ed essere accettato lo stesso, magari anche noi abbiamo avuto comportamenti C o D e ci hanno insegnato che non eravamo accettabili.

Quante volte ho sentito dire: “Piangi come una femminuccia!”, “Non fare il pagliaccio”, “non essere illogico”, persino la frase “non sudare” nasconde una non accettazione (a parte il fatto che mi risulta ancora incomprensibile come faccia un bambino a tenere sotto controllo il suo sudore.)

Con “accettare” non intendo lasciare che tutto passi senza dire ba, ma l’accettazione passa attraverso il vedere il bambino che abbiamo di fronte e le sue esigenze, il suo bisogno di crescere e di sapere che sebbene condividiamo con lui che c’è stato uno sbaglio, sebbene concordiamo con lui un modo per risolvere le conseguenze dello sbaglio, staremo al suo fianco e lo ameremo ancora perché sappiamo che l’errore fa parte della vita.
“Accettare” vuol dire vedere davvero il bambino che abbiamo di fronte, andare oltre le definizioni di “pagliaccio”, “distratto”, “musone”, “lamentoso”.
Vuol dire anche arrendersi alle aspettative che ci portiamo dietro di avere un figlio con determinate caratteristiche.

La legge di Murphy per le mamme recita che desiderare un certo comportamento per il proprio figlio porta solo ad avere il comportamento contrario.

In realtà non so se smettere di desiderare porti ad avere l’atteggiamento che vogliamo, ma sicuramente ci darà la possibilità di scoprire atteggiamenti in nostro figlio che non avevamo notato, e chissà forse ci sembreranno persino meglio dell’atteggiamento a cui ci siamo rassegnate.



°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°


Non ho molto da aggiungere alle parole di Emanuela, se non per invitarvi 

a vedere questo video su EFT per rispondere alle esigenze dei figli:


http://youtu.be/7ybKEQ5cGrU


e a leggere il nostro libro di recente e fresca stampa,  MamMa o non MAmma ...

E' un libro che unisce il sapere delle doule a suggerimenti di tecniche energetiche per accompagnare il periodo di vita delle donne e di chi le circonda, da prima del concepimento ai primi 18 mesi di vita del bambino.

Perciò se siete mamme o volete diventarlo, se conoscete mamme in attesa o neo mamme potete prenotare una copia. Il costo del libro è 15 euro a copia. Se desiderate l’e book invece lo potete ordinare in formato pdf a 8 euro.
 
 
 
Emanuela Pamio e Virna Trivellato
 

domenica 20 settembre 2015

Eft e cibo: come non farsi fregare da "ciò che luccica" quando facciamo la spesa.



IL CONSUMATORE CONSAPEVOLE SA LEGGERE LE ETICHETTE



Quando facciamo la spesa mettiamo nel carrello, chi più chi meno, diversi alimenti confezionati. Pensi di conoscerli bene perché li compri con una certa regolarità, ma sai davvero cosa contengono, ti sei mai fermato a leggerne l'etichetta? L'etichetta alimentare è uno strumento importante per valutare cosa consumiamo e per fortuna oggi sono cambiate alcune cose. Voglio illustrartele perché saper leggere l'etichetta accresce il tuo potere di scelta e la tua consapevolezza di consumatore. 

Non dimentichiamoci che la salute è conseguenza anche di cosa mangiamo.
 
Dal dicembre 2014 le informazioni devono essere scritte con carattere più grande, è obbligatorio indicare la presenza di allergeni (come sedano, latte, uova, pesce, frutta a guscio) in modo tale che siano facilmente distinguibili, ad esempio con il carattere in grassetto. 

Altra cosa, che mi ha fatto molto felice, è che i produttori non possono più nascondersi dietro ad un dito. Ovvero dovranno specificare la tipologia di oli vegetali utilizzati senza lasciare la sola scrittura generica che può ingannare. I più esperti sanno che sotto tale dicitura si nascondono olio di palma e cocco potenzialmente dannosi per la nostra salute.

Attenzione mamme! Questi grassi vegetali si trovano nella maggior parte dei prodotti da forno, vedi biscotti e merendine. 



Vi ricordo che l’etichetta alimentare da altre importanti informazioni sul prodotto: stato fisico, durabilità e conservazione dell’alimento, ci dice il luogo d’origine o il paese di provenienza. Ci informa sul contenuto in nutrienti e quest’ultimo aspetto non è da trascurare poiché possiamo verificare la quantità e la tipologia di grassi, le proteine e gli zuccheri presenti, oltre che alle calorie totali. 

In genere la dichiarazione nutrizionale è ben conosciuta, ma vi invito a non fermarvi a quella per valutare la qualità globale di un alimento.

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Come ha ben spiegato Silvia leggere l'etichetta di ciò che compriamo è assolutamente importate.

Ciò che stiamo mettendo nel carrello, magari con l'illusione che siccome è un cibo pronto ci conviene, soprattutto in termini di tempo, e a volte anche di denaro, ci illude di essere la soluzione a parte dei nostri problemi casalinghi: ho sempre fretta, devo anche lavorare, non so cosa cucinare, se preparo le verdure ai bambini non piacciono perchè vogliono gli hamburger, così posso avere una vita anche io invece di impiegare tutto il mio tempo a badare alle pentole... ecc.ecc 

Ciò che invece rischiamo di compromettere è la nostra salute...

Da donna "sempre di corsa" comprendo però bene cosa si prova quando il tempo pare sfuggirti e all'ora dei pasti ci viene in mente la soluzione più rapida: acquistare qualcosa di pronto...

Per non parlare del fatto che a volte questo arreca danni anche alla bilancia (si è sempre la bilancia che si rompe, mai noi che prendiamo davvero peso) e finiamo pure per sentirci in colpa...

Se dopo aver letto l'articolo di Silvia anche tu ti senti un pò "una casalinga disperata" scarica qui il mio lavoro: EFT per le casalinghe disperate, sono sicura che ritroverai il sorriso su molti dei tuoi quotidiani pensieri:-)



e puoi anche guardare questo video su EFT per l'idea che fare la spesa e cucinare sia una perdita di tempo:




Silvia Dagnolo e Virna Trivellato

domenica 13 settembre 2015

EFT PER L'INIZIO DELLA SCUOLA (per genitori)


Oddio ricomincia la scuola! ( per genitori)
Ovvero come faccio a far fare i compiti per le vacanze a mio figlio in meno di una settimana???

fonte immagine: web


E poi arriva settembre, e tu sai che ancora non ha fatto i compiti per le vacanze.
Allora inizi a parlarne come se si trattasse di altro figlio, di altra famiglia, magari in una conversazione casuale, in spiaggia, oppure al telefono, - ma tu sai che lui o lei, sì, tuo figlio/a ti ascolta - “E poi da lunedì mi ha promesso che si mette a fare i compiti SERIAMENTE”.
E' un po' come per la dieta insomma, inizia da lunedì.
Ma ormai di lunedì ce ne sono pochissimiiiiiiiiiiiiii!!
L'ansia sale, ormai cominci a sognarti anche di notte le note lotte all' ultimo sangue con il pargoletto, se poi è grande, ancora peggio. Laddove con un bambino piccolo riesci a “patteggiare”: dai facciamo i compiti che poi andiamo a prendere il gelato!Dai, finisci che poi vai a giocare a casa del tuo amico”, il problema serio è quando il “pargoletto” ha l'età di mezzo o dall' “età di mezzo in su", ahimè, ormai sino all' università.
Nononono, qui ci vogliono provvedimenti seri- sentenzia – di solito e se c'è- l'uomo di casa, tanto lui mica c'è a dover convincere il figlio..
Ok, allora stanotte ti sei fatta tutta la tua strategia e la esegui: ore 7 di lunedì (si sa, il mattino ha l'oro in bocca, e poi è lunedì) entri con passo deciso in camera del malcapitato, con altrettanto decisi colpi  tiri su la tapparella e urli:”Alzarsi! Ci sono da fare i compiti stamattina!” -Sisi, mi è venuta proprio bene- pensi- decisione ci vuole decisione! E sei così contenta del tuo blitz che neanche ti accorgi che neanche un rantolo è uscito da quel fagotto raggomitolato che è tuo figlio, che della tua decisione non s'è nemmeno accorto.
“E allora ti alziiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii!!!????”
“Chi? Cosa? Ma perché? Ah sei tuuuuuuuuu??????”
Era quasi sembrato che un soffio di vita avesse pervaso il giovane, ma alla presa d'atto che sei “solo” tu, si è girato e ha ripreso a dormire.
E' troppo, veramente troppo! Ma come, lo hai lavorato ai fianchi con conversazioni telefoniche degne di coach da PNL, hai chiesto consiglio all' uomo di casa, TI SEI ALZATA ALL'ALBA NONOSTANTE FOSSERO I TUOI ULTIMI GIORNI DI FERIE e tu dormi????
E' un attimo, in te si scatena la rabbia atavica di tutte le volte che NON ha fatto i compiti, NON ti ha ubbidito, NON....
Gli togli il lenzuolo, ti avvicini all' orecchio del finto-dormiente e, accarezzandogli la testa con gesto materno, gli sussurri con fare mellifluo l'unica frase che sai avrà in lui vera eco: “Amore, se non ti alzi subito a fare i compiti TI SEQUESTRO IL CELLULARE FINCHE' INIZIA LA SCUOLA!”

Buon inizio!



°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

E' ovvio, nessuno di noi si augura di ritrovarsi in questa situazione, ma succede anche nelle migliori famiglie.... Nostro figlio o nostra figlia non hanno fatto i compiti, mancano tre giorni all'inzio della scuola e tutto quello che riescono a dire è che non hanno più penne che scrivono.

Dal punto di vista delle tecniche energetiche non si lavora mai su quello che vorremmo che facesse un altro, bensì sulla nostra reazione emotiva ad un determinato comportamento che scatena in noi una risposta emotiva non gradita.

Ora, se sei madre o padre di un Disgraziato/una Disgraziata che ha passato tutta l'estate a far niente e in questo momento non la vivi bene ti chiedo:

Che emozione suscita in te che tuo figlio non abbia ancora fatto i compiti?
Dove la senti questa emozione nel tuo corpo?
E' la prima volta che la senti?
E' già successo in passato che provassi questa sensazione?
Cosa era successo allora?
Quali idee hai sulla situazione?
Quali idee hai su di te rispetto alla situazione?

Tutto ciò che emerge rispondendo a queste domande può esserti di spunto per fare un giro di eft.
Se non sai ancora come si fa leggi qui:

oppure guarda questo video esemplificativo:


Tiziana Manca e Virna Trivellato

domenica 6 settembre 2015

EFT PER L'INIZIO DELLA SCUOLA (per figli)



Oddio ricomincia la scuola! (per figli)
Ovvero come faccio a fare i compiti per le vacanze in una settimana???

fonte immagine:web



Su whats app i miei compagni scrivono che hanno già fatto i compiti, addirittura alcuni già da luglio. I soliti esagerati secchioni. Poi quella di italiano ha proprio esagerato: darci da leggere tre libri e fare tutti quegli esercizi di grammatica! Ok per i libri posso farcela, cerco in wiki i riassunti..aspetta chiedo.. cavolo mi dicono di non usare wiki, l'anno scorso ha beccato quelli dell' altra classe che l'avevano fatto e ha messo due a mezza classe..oddio come faccioooooooooo???
Panico. 
Posso chiedere a mio zio, quello che scrive, magari lui li ha letti...si ma non lo vedo da due anni, le ultime volte che è venuto ho fatto finta di avere da studiare e sono uscita con le mie amiche..cavoli che figura, vabbè farò chiedere alla mamma, è sua sorella non potrà mica dirle di no??
E matematica? Quella pazza ci ha dato 30 pagine di esercizi, con la scusa che poi l'anno prossimo siamo più preparati..ma preparati cosa? Io quest'anno di matematica non ci ho capito nulla, quando spiegava era il periodo che mi ero incottita di quello di 3B..che poi neanche mi badava, bell' affare ho fatto!
Mmmmmmmmmm...forse è meglio se mi do una calmata...allora mancano 10 giorni all' inizio della scuola.. a parte gli scherzi adesso conto le pagine di storia (anche storia???) oddio.. e gli esercizi di matematica e di grammatica da fare e li divido per i giorni, ecco!

Così mi restano anche i pomeriggi per andare a far shopping con le mie amiche, per fortuna!



 °°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°


Quello che Tiziana ci descrive con così tanta dovizia di particolari è una tipico "momento di ordinaria follia da rientro a scuola" visto dalla parte dei figli...

E siccome gli anni dello studio io me li ricordo bene, non fatico a immaginare che un dialogo interiore del genere possa popolare la mente dei nostri ragazzi....

In realtà però la situazione è più o meno comune anche per chi, più adulto e lasciati i banchi di scuola, si ritrova a rimandare delle scadenze all'ultimo minuto.


Ecco allora che mi viene voglia di mettere qui un paio di suggerimenti per evitare che lo studio arretrato o anche le faccende arretrate in altri ambiti, ci mandi nel pallone.

E' infatti importante evitare di restare in un circolo vizioso di ansia e arrivare al momento in cui "ci si da una calmata" e si riesce a fare un piano di lavoro ordinato.



Se sei un ragazzo/a che è "in panico" per i compiti guarda questo video:


 
Se invece sei un adulto "in panico" per delle scadenze vicine prova a poggiare le mani una sull'altra, all'altezza del cuore e fare un paio di respiri profondi. 
Poi ripeti:

Anche se questa scadenza così vicina mi opprime, mi sento nel pallone, perchè ho rimandato troppo, e ora non so più da dove cominciare, recupero tutta la mia energia




Tiziana Manca e Virna Trivellato